Collaudo requisiti acustici passivi

Perché effettuare il collaudo requisiti acustici passivi degli edifici?

Una volta che i lavori per la realizzazione di un edificio sono ultimati, il direttore dei lavori deve dichiarare che la costruzione appena realizzata rispetta tutti gli obblighi di legge, compresi quindi i limiti sui requisiti acustici passivi. Per evitare di dichiarare il falso, è bene verificare il rispetto dei limiti di legge mediante il collaudo a campione di alcune strutture e impianti tecnologici dell'edificio appena realizzato.

Il rispetto dei limiti in fase di progettazione garantisce il rispetto dei limiti anche in opera?

Il fatto che in fase di progetto i limiti siano rispettati non è garanzia del rispetto dei limiti a lavoro ultimato. La causa più frequente è dovuta ad errori di posa dei materiali che determinano ponti acustici che favoriscono il propagarsi dei rumori tra diversi ambienti andando a ridurre le caratteristiche isolanti degli elementi separatori. Per questo è sempre bene assicurarsi del rispetto dei limiti anche a fine lavori, così da evitare di andare incontro a possibili risvolti legali estremamente pesanti.

Per l'esecuzione dei collaudi è necessario sia un fonometro per la misura del rumore, sia di sorgenti che emettano un determinato livello di rumore.

In Quadra S.r.l. abbiamo tutta la strumentazione necessaria per effettuare il collaudo dei requisiti acustici passivi. Inoltre fanno parte dell'organico due tecnici competenti nel campo dell'acustica ambientale iscritti negli elenchi di Regione Lombardia che redigeranno per te una relazione in cui verranno riportati gli esiti del collaudo effettuato.

Operiamo nelle province di Milano, Monza e Brianza, Lecco, Bergamo, Como, Sondrio, Lodi, Brescia, Varese, Pavia, Mantova e Cremona.

Download Catalogo corsi

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Torna su